Deep into the Abyss #1: Background Art

Dopo aver visto il primo episodio di Made in Abyss sono rimasto piuttosto impressionato nello scoprire che l’Art Director, Osamu Masuyama, è la figura più giovane all’interno del gruppo direttivo della serie nonostante il fortissimo impatto degli sfondi su ogni spettatore dell’anime rispetto a molti altri aspetti del cartone. Nonostante la vera maestria con cui ha gestito la caratterizzazione visuale di selvaggi ambienti naturali e pittoreschi centri abitati, questa è soltanto la seconda volta che coordina la produzione dei background in un anime.

Questo è un fatto alquanto insolito per una produzione che ha cercato di massimizzare il più possibile la propria qualità attraverso l’assemblaggio di uno staff di indubbia esperienza e abilità riconosciuta da decine di lavori importanti alle spalle: Masayuki Kojima è considerato un vero e proprio genio degli anime televisivi documentato da opere come Abenobashi, Monster e Azuki-chan, Kazuchika Kise ha alle spalle una decina di opere in cui ha curato Character design e sub-Character design mentre Kou Yoshinari è considerato uno dei migliori animatori in circolazione, soprattutto quando si parla di scene d’azione. La faccenda non smette di complicarsi quando mettiamo a confronto le differenze tra i fondali di Miyori no Mori, la sua prima opera, e quelli di Abyss.

miyori_no_mori___dream_cottage_by_ashw00d-d2mwq5d
background tratto da Miyori no Mori

Se nel primo caso possiamo notare come ad un colore dominante vengano aggiunti una gran quantità di diversi colori per rappresentare i diversi dettagli in scena, al contrario nel suo anime più recente la palette cromatica è molto più uniforme: vi sono certamente dei colori dominanti ma ad essi vengono accostate delle variazioni di tonalità e sono proprio queste ultime a fornire questo caratteristico feel di pura natura incontaminata pronta ad espandersi verso le aree dell’isola che sono state sottratte all’Abisso.  Inoltre l’idea di una natura rigogliosa e apparentemente indomabile è caratterizzata graficamente dall’uso di pennellate particolarmente ampie e veloci, prive di contorni.

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_00.43_[2017.07.23_14.00.19][HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_01.08_[2017.07.23_14.01.02]

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_07.39_[2017.07.29_17.37.02]

Ma come mai un background artist così familiare con gli stili dello studio Ghibli e di Makoto Shinkai come Masuyama ha deciso di approvare uno stile così potente ed originale? Non abbiamo informazioni e spiegazioni dettagliate sull’argomento ma è possibile fare delle ipotesi in merito a come è andata. Dal mio punto di vista l’aspetto determinante nello sviluppo di questa Art Direction è stato soprattutto quello della creazione delle Artboard. Per chi non lo sapesse, le Artboard sono delle illustrazioni realizzate in fase di pre-produzione che servono a stabilire la palette di colori che andrà poi utilizzata dai background artist. È una sorta di “color design dei background” e non sempre viene realizzato dall’direttore artistico: non sono rari i casi in cui altri background artist, prop-designer e disegnatori d’altro tipo si dedicano solo ed esclusivamente a queste board.

pablo-board-768x535
Artboard di Owari no Seraph, realizzata su carta
city02.jpg
Digital Artboard di Concrete Revolutio

In questo caso, credo che l’artista impiegato alle Artboard sia stato Kou Yoshinari, che oltre ad essere un animatore è anche un apprezzato illustratore. Sono molto visibili le somiglianze con i suoi ultimi disegni a livello di colore e recentemente ha ritratto più di una volta situazioni accostabili ad Abyss visualmente. Eccovi un po’ di esempi.

 

C3sC-bUUMAAbuEv
Ambiente molto vasto, continue ripetizioni di colori e variazioni
C7SnWtHVwAEkpwx
questo confronto di colori mostra in maniera particolarmente evidente come si sia trovato a fare diverse prove di color design tra l’inizio di questo e lo scorso anno.
C42lmL_UEAAaW-8
ambiente molto vasto, continue ripetizioni di colori e variazioni
DB4MuDGVYAEz7So
studio delle variazioni sul verde
Cv5EA7AVIAAv6fc
studio sulle variazioni del verde
CySGKF1UAAEGUwg
Un Abisso!
CzC75YJUsAAchwk
Una piccola citazione, uno studio sulle variazioni dell’acqua
CzDFUhxXEAEgYwd
sempre studio sull’acqua
DAdVd0BXYAISyLm
studio di prop design(?)
DAXmg3vVYAAdhHO
studio sulle variazioni dei colori negli animali, base del monster design della serie
DBPFOmDUQAE6I3O
Studio di variazioni sul verde
DCnhH4mVoAAUJT7
Direi che questa immagine parla da sola

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_02.58_[2017.07.23_14.02.20]
Background tratto da Abyss: si può ben notare come mostri le stesse caratteristiche delle illstrazioni ma con molti più dettagli
[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_01.49_[2017.07.23_14.02.03]

Al contrario però, è pur sempre possibile che l’artista sia stato influenzato dalla direzione artistica dell’anime e non l’opposto. Indipendentemente da come sia andata è innegabile che Abyss sia un nuovo punto di svolta per Yoshinari, che continua a stupire per la sua originalità ed i suoi velocissimi progressi. Va detto comunque che lo studio Inspired, da cui proviene l’Art Director e buona parte dei Background Artists, non aveva mai realizzato opere visivamente simili a questo anime.

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_07.32_[2017.07.23_14.10.00]

Ed è interessante notare inoltre come la città di Orth, se vista dall’esterno, appaia in maniera straordinariamente simile agli ambienti naturali: disordinata, composta da blocchi abitati tutti fin troppo simili fra di loro e sempre dipinta con poche tinte tutte molto vicine tra di loro, le quali vengono spesso riutilizzate per un gran numero di oggetti diversi e con una lineart piuttosto definita e dettagliata.

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_08.02_[2017.07.23_14.10.51]

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_08.11_[2017.07.29_17.25.23]

Se però la telecamera si trova all’interno della città o in un interno la nostra visione cambia un po’: le tonalità diverse aumentano, i contorni si fanno più definiti, texture ed effetti di fotografia digitale iniziano a fare la loro comparsa. Un po’ come se gli abitanti della città e dell’orfanotrofio riescano piacevolmente a percepire le loro dimore come un luogo sicuro e ordinato: vera dimostrazione del trionfo dell’uomo sulla tirannia caotica dell’Abisso, il luogo dove tutti coloro che si addentrano in quell’inferno vogliono fare trionfalmente ritorno. Ma basta fare qualche passo indietro per accorgersi che Orth non è poi così diversa dalla natura rigogliosa del primo “stadio” dell’abisso, con edifici che si accalcano uno sull’altro come banali rocce e pietre. Questa soluzione grafica è abbastanza in linea con quanto ci è stato detto in merito all’organizzazione precaria e spontanea della civiltà che si è formata dopo la scoperta di questo ambiente misterioso.

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_08.05_[2017.07.23_14.10.43][HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_13.03_[2017.07.29_17.24.56][HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_21.14_[2017.07.29_17.23.24]

 

Monster of the Week #1

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_03.19_[2017.07.23_14.02.45].jpg

In questa sezione ho intenzione di analizzare brevemente i punti di forza dei design dei mostri dell’anime, sempre ad opera del maestro Yoshinari, e come vengono sfruttati. Nel primo episodio abbiamo avuto modo di conoscere Crimson Splitjaw, una lunga e spaventosa creatura in grado di fluttuare tra le pareti dell’abisso. A queste spaventose caratteristiche ben rappresentate nel manga è stata aggiunta una particolare cura per quanto riguarda la larghezza della sua bocca, risposta particolarmente intelligente all’assenza delle vignette sostituite dallo schermo in 16:9. In questo modo la creatura è in grado di “invadere” lo schermo non soltanto lateralmente ma anche frontalmente, come vediamo in alcuni cut davvero mozzafiato.

6

 

 

Per quanto queste non siano delle soggettive o delle semi-soggettive, il mostro finisce con l’occupare sempre le inquadrature divenendo un “protagonista forzato” della scena: dal momento che possiamo concentrarci solamente su di lui è un po’ come se anche noi stessimo cercando di fuggire dalla creatura insieme a Riko. Solitamente quando una creatura simile fa la sua comparsa in un anime i campi lunghi continuano a farla da padrone anche dopo la sua presentazione, in modo da ricordarci sempre quanto queste aberrazioni siano del tutto fuori scala rispetto agli esseri umani. Ma tutto questo è narrativa: nella realtà, una volta incontrata una creatura simile la nostra attenzione si focalizzerebbe in primo luogo sui suoi movimenti e su come possiamo sfuggire dalle sue grinfie. Un po’ come mostrato all’interno dello storyboard di Masayuki Kojima, che si dimostra nuovamente un regista dal grande spirito di osservazione e dalla grande voglia di osare.

[HorribleSubs] Made in Abyss - 01 [1080p].mkv_snapshot_04.34_[2017.07.23_14.05.58]

I prossimi articoli di questa serie saranno dedicati ai character design di Kise, a come lo sceneggiatore di Samurai Flamenco sta adattando il manga e a tanti nuovi mostri!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...